Asus K52N, ATi Radeon Mobility HD 4200 e Windows XP

Una terna micidiale, a causa di questa oggi sono parzialmente andato fuori di testa. Il K52N è un notebook Asus fornito di Ati Radeon Mobility 4200 ed equipaggiato con Windows 7. Per vari motivi, ovviamente necessari, c'era l'esigenza di avere Windows XP su detto notebook ( e la virtualizzazione non era un'opzione ). Il bello è che l'ASUS non fornisce supporto driver per Windows XP, ed ovviamente i driver per Windows 7 non funzionano su XP. Una delle più grandi sfide è stato trovare i driver video ATI compatibili con Windows XP e con la serie 4200 Mobility. Il sito ufficiale AMD ATI rimanda alla sezione supporto dei vari OEM ( Sony, Dell, Toshiba, Acer, Asus, ecc. ) e quest'ultimi non davano supporto a Win XP. Neanche il MobilityModder è riuscito a risolvere la situazione, in quanto la 4200 non è supportata. Alla fine mi sono buttato su HWfiles.it ( la sezione download di HWUpgrade.it ) ed ho trovato questi: Ati Catalyst 10.7a beta. Anche se sono un po' datati, funzionano. UPDATE 07/06/2011 Nei commenti potete trovare il link anche agli driver. 😉

Continua a leggere >>>

WordPress Download Monitor: errori nell'upgrade

Oggi ho voluto passare da Download counter a WordPress download monitor. Entrambi sono due sistemi per monitorare i download effettuati su questo sito. Ovviamente è impossibile che io faccia qualcosa senza qualche intoppo. Probabilmente molto tempo fa istallai Download Monitor, la disinstallazione però ha lasciato dei residui nel db e ora l'ultima release non vuole proprio installarsi. Ho sistemato cancellando manualmente i record della vecchia versione dal database. Per farlo accedete a phpmyadmin e ricercate questa stringa "wp_dlm" o date questo comando da terminale SQL: [crayon-5d85b9aca17b2419544657/] Tutti i record si trovano nella tabella wp_options, quella che si occupa di tenere traccia delle impostazioni del CMS e dei vari plugins installati. Selezionateli tutti e cancellateli. Per precauzione fate sempre un backup, sia di tutto il database sia dei record incriminati. Non fai mai male. 😉 Ora l'installazione della nuova versione non darà nessun problema. 😉

Continua a leggere >>>

TopazLabs e Alien Skin: due prodotti magici

Oggi vi voglio consigliare due prodotti per Adobe PhotoShop. Il primo è TopazLabs ed il secondo Alien Skin. In realtà non sono due prodotti sono due società che producono un set di plugin compatibili con le ultime versioni di PhotoShop. Questi plugin rendono veloci delle operazioni che altrimenti impiegherebbero diverso tempo. Tuttavia i plugin non sono freeware hanno un costo, e che costo, probabilmente tutti assieme costano più di PhotoShop stesso. Ma non disperate, sia TopazLabs che Alien Skin mettono a disposizione delle versioni trial per tutte i prodotti ( sia Mac che Win ), e dopo il trial... avete capito  🙂 Dategli un'occhiata, potete trovare plugin per ridurre il rumore, ottimizzare le immagini, simulare l'effetto sfuocato e molti altri. Sicuramente gli appassionati del genere li gradiranno. 😉

Continua a leggere >>>

Aggiornare pyLoad tip da Mercurial

Torno brevemente sull'argomento pyLoad. Come avevo fatto notare in questo post, il problema principale della tip version è il continuo numero di release che vengono rilasciate. Dato che pyLoad è un progetto comunitario, ci sono sempre degli utenti che modificano i sorgenti, per quanto piccole che siano le modifiche. Fortunatamente per noi, utenti finali, pyLoad utilizza il sistema di controllo delle versioni distribuite Mercurial. Con un comando quindi saremmo in grado di aggiornare facilmente pyLoad all'ultima versione. Innanzitutto dovrete installare Mercurial da QPKG con il seguente comando: [crayon-5d85b9aca1c5b935860674/] Ora andiamo in /opt ( un semplice link che porta alla cartella /share/HDA_DATA/.qpkg/Optware/, nel mio caso ) e creiamo una cartella per i sorgenti di pyLoad. [crayon-5d85b9aca1c61720549125/] A questo punto usiamo lo strumento mercuriel per clonare i repository di pyLoad: [crayon-5d85b9aca1c63061176012/] A download terminato, se è la prima volta che date questo comando, dovrete fare il setup come indicato nel mio vecchio post. Modificate anche lo script per l'autostart con il nuovo path e dovreste essere apposto. Se avevate un'installazione precedente la potete tranquillamente eliminare con: [crayon-5d85b9aca1c66297232843/] Quando vorrete aggiornare pyLoad basterà semplicemente andare nella cartella pyloadcore e dare i comandi: [crayon-5d85b9aca1c68023146446/] UPDATE 30/05/2011 15.30 Per velocizzare il processo di update create

Continua a leggere >>>

Installare pyLoad su NAS QNAP

pyLoad non è altro che una specie di Jdownloader ( ossia un gestore di download ) scritto in python. La sua più grande forza è la versatilità, è infatti installabile su Windows, Mac e Linux, quest'ultimo ci permette di installarlo anche su Android, su router e su NAS ( nel caso specifico un QNAP TS-119P+ ). DISCLAIMER: La guida seguente ha un intento puramente didattico, da per scontato la conoscenza dei comandi base e dell'utilizzo di un client SSH. Non mi prendo quindi nessuna responsabilità nel caso di danneggiamento dell'apparato o della perdita di dati accidentale. PREREQUISITI: Optware da QPKG, SSH abilitato ed un consiglio: leggete tutto prima di cimentarvi. 😀 Ricordo inoltre che su NAS aventi più bay la cartella di mount cambia, nel mio caso ad esempio questa è /share/HDA_DATA. NOTA: Se volete accedere alla cartella dei file scaricati da pyLoad tramite FTP o web file manager dovreste far puntare il parametro "configdir" ad una cartella condivisa. Ad esempio la cartella Download. Oppure se preferite potete crearne una ad-hoc. NOTA: Potete integrare questa guida con questo post, in cui si spiega come effettuare l'aggiornamento della TIP versione da Mercurial. L'installazione manuale della versione 0.4.5 credo sia solo per i

Continua a leggere >>>

Ancora Canon SDK

Vorrei tornare a parlare delle Canon SDK ( o EDSDK ), un potente strumento che Canon mette a disposizione dei suoi consumatori. Scrissi qualcosa a riguardo in questo post, ora vi vorrei dare qualche dettaglio in più in merito agli strumenti a disposizione. Una volta aperto il pacchetto delle SDK ( versione per Windows, esiste pure una versione per Mac ) ci troveremo davanti a tre cartelle: Document, EDSDK e Sample. Nella prima troviamo il vademecum del programmatore, con le sue 150 pagine di references. In EDSDK troviamo il fulcro delle SDK, ossia le DLL, le librerie e headers, senza di queste il vostro lavoro non può nemmeno cominciare. Nell'ultima cartella invece troviamo degli esempi, creati da Canon, con lo scopo di darci degli indizi sulla tecnica di programmazione necessaria per controllare da PC la nostra DLSR e capire come utilizzare le API disponibili. Le attuali EDSDK ci permetto di iniziare a lavorare immediatamente con i seguenti tre linguaggi: C++, Visual Basic .NET e C#. Di questi abbiamo già i wrapper pronti all'uso, dovremmo solo scrivere il nostro codice e fare la chiamata ai metodi ( possibilmente con i parametri giusti 😀 ). Se invece vogliamo agire fuori dagli schemi,

Continua a leggere >>>

Copia HD to HD

La copia di un HD settore per settore non è una pratica che si usa ogni giorno ( almeno a livello domestico ), però in certi casi può risparmiarvi ore e ore di duro lavoro. Proprio ieri mi è arrivato il nuovo HD da 2.5" per il notebook, un Western Digital da 500GB Scorpio Black. Il vecchio Seagate Momentus da 500GB mi stava lasciando con il culo per terra, ho quindi giocato d'anticipo, sostituendolo. In questo caso clonare tutti i contenuti del vecchio HD direttamente sul nuovo è la cosa più veloce e decisamente più sicura. Per fare una copia settore per settore ( ossia una copia identica del HD su un altro HD ) io ho usato Easeus Disk Copy, perchè è free ed ha pochi sbattimenti. Infatti una volta masterizzata la ISO da 30MB ( o copiata su una pendrive bootabile ) si lancia da boot e con 3 click il processo di copia inizia. Un'alternativa può essere Acronis True Image Home che però è a pagamento. Esiste tuttavia una versione gratuita per coloro che effettuano l'operazione di copia/backup su prodotti Western Digital ( non è il mio caso sfortunatamente: Seagate -> WD ). I passaggi sono estremamente

Continua a leggere >>>

Rilasciato SP1 per Visual Studio 2010

Pochi giorni fa è stato rilascio il primo Service Pack per Visual Studio 2010. A questo indirizzo trovate il web installer ( qui invece la iso da 1,5GB ). Quelli che hanno installato la beta del SP1 possono tranquillamente fare l'upgrade senza rimuovere la versione precedente. Il changelog è disponibile a questo indirizzo.   Il web installer ci mette tantino a scaricare i 600MB necessari ed in più la procedura di upgrade è piuttosto lenta.

Continua a leggere >>>

Canon SDK, you can!

Ebbene sì, tra le mie tante passione c'è un posticino riservato alla fotografia. Oggi vi voglio parlare delle SDK ( Software Development Kit) per fotocamere DSLR Canon EOS. Questo kit contiene tonnellate su tonnellate di API utilizzabili per controllare la reflex Canon EOS da un pc tramite cavo USB. Nel mondo pratico, Canon mette a disposizione miglia di blocchetti LEGO che possono essere combinati dal programmatore per realizzare qualsiasi cosa voglia. Fortunatamente, Canon non ha fatto la bravata di distribuire queste SDK o ED-SDK ( come le chiamano loro, sono come i francesi voglion cambiare nome a tutto 😀 ) a pagamento, o limitarne la distribuzione solo a personale autorizzato. Per entrarne in possesso vi basterà compilare un piccolo modulo di richiesta sul sito DIDP di Canon. Compilate la richiesta con attenzione ed in lingua inglese, poi dovrete aspettare qualche giorno ( 2 giorni nel mio casi ) per l'attivazione dell'account. La documentazione allegata al pacchetto è OTTIMA, sono circa 160 pagine in cui viene spiegato tutto esaustivamente. Troveremo quindi la definizione di tutte le API, di tutti gli errori e di tutti i settaggi della DSLR. In poche parole la BIBBIA del programmatore, in gergo il malloppo vien chiamato

Continua a leggere >>>

Avast 6, eccolooo!

Poche ora fa è stata rilasciata la versione 6 di Avast antivirus ( 6.0.100 ). Io sono passato ad Avast già dalla versione 4 e poi non l'ho più abbandonato. Le prime versione avevano il brutto vizio di dare molti falsi positivi ma ora è tutto cambiato. Penso che Avast sia uno degli antivirus migliori sulla piazza. E' free ed è leggero, non credete a quelli che affermano che Avast è pesantissimo ( forse questi lo fanno girare su un 386 ), per un computer moderno far girare Avast è dispendioso quanto far girare Messenger. Probabilmente non ci crederete ma io ho perfino la licenza pro... so che sembra strano, ma tempo fa sono incappato in un'offerta particolarmente vantaggiosa: 2 anni di licenza per 20€, allora lo ho comperato 😀 Comunque anche la versione free è più che valida e ora la versione 6 implementa ( anche per la versione gratuita ) l'autosandbox. Questa particolare funzionalità esegue i programmi sospetti in un area di memoria isolata dal resto del sistema, il sistema dovrebbe quindi andare ad inibire il malware che si ha avviato.   Qui trovate la versione free, pro e internet security. 😉

Continua a leggere >>>

Site Footer