Pebble: uno smartwatch un po' controtendenza

Quello che voglio esprimere con questo post sono una serie di considerazioni personali dopo aver provato il Pebble per più di due mesi.   Innanzitutto vado a spiegare il titolo del post! Perchè il Pebble dovrebbe essere uno smartwatch controtendenza? A mio avviso il Pebble si differenzia parecchio da prodotti come il Galaxy Gear, Sony Smartwatch o i'm watch. L'idea di fondo del Pebble secondo me è la seguente: fare poche cose ma farle bene! Infatti non troveremo un display a colori risolutissimo e touch, fotocamera o altre diavolerie. Il Pebble nasce semplicemente come un orologio e come secondo display per lo smartphone, con l'unico scopo di evidenziare le notifiche. O almeno io la vedo così. In realtà con l'affinamento delle SDK il Pebble può essere utilizzato in congiunzione con determinate apps per mostrare varie informazioni su display. Sfortunatamente sono ancora poche le applicazioni che integrano queste funzionalità. Il costo e le funzionalità offerte ne fanno sicuramente uno dei migliori, se non il migliore, smartwatch in circolazione. La disponibilità non è sicuramente il punto forte. Dobbiamo tener presente che questo prodotto è nato da una campagna di enorme successo su kickstarer e quindi non può godere dei canali di distribuzione

Continua a leggere >>>

Ed ecco a voi il Kindle 4

L'idea mi aleggiava per la testa già da qualche settimana, alla fine ho ceduto e mi sono comperato il nuovo Kindle 4 della Amazon. Il mio commento è il seguente... LEGEN...wait for it... DARY. L'acquisto risale alla settimana scorsa e proprio in questi giorni Amazon ha annunciato l'arrivo in Italia dei modelli Kindle Touch e 3G. Appena ho letto la news il commento è stato uno spontaneo "DOH'!". Tuttavia dopo una breve riflessione mi sono convinto che per un normalissimo lettore il Kindle 4 sia più che sufficiente. I vantaggi del modello touch penso si facciano sentire soprattutto durante la digitazione, una vera scomodità nel modello base. Certo sfogliare le pagine tramite il dito o tramite i pulsantini laterali non mi comporta nessuna differenza... I listini sono di 99€, 129€ e 189€ rispettivamente per Kindle, Kindle Touch e Kindle Touch 3G. Tralasciando le mie opinioni negative sul fatto di avere un modulo 3G in un e-book mi sembrano dei buoni prezzi. Soprattutto nel caso del modello base. Passiamo però alla parte importante. Si tratta di un buon investimento? La risposta è semplicemente sì, se vi piace leggere questo dispositivo fa decisamente al caso vostro. Potrete sempre portare con voi la

Continua a leggere >>>

ExpoGadget...ma cosa diavolo combinate?!

Oggi assieme ad un gruppo di colleghi universitari ho partecipato all'ExpoGadget di Padova, fiera hi-tech che si tiene dal 5 al 7 marzo presso PadovaFiere. Facciamo quindi un rapido resoconto di questa esperienza. La fiera diciamo che è stata un fiasco, almeno in questo primo giorno. Molto degli espositori più interessanti non si sono presentati ( Microsoft, VmWare, Pinnacle, etc. ). Durante la fiera dovevano essere presentati molti prodotti tra cui televisori, telefoni, console, pc e molto altro. Invece ci siamo ritrovati in una fiera che era per il 50% occupata da piattaforme console (Xbox 360 e PS3) su cui giravano molti fra i giochi più recenti, alcuni esempi sono: CoD MW2, Dante's Inferno, Battlefield Bad Company 2, Guitar Hero, Heavy Ryan e molti molti altri. E la sezione giochi per PC?! La risposta è semplice, non ve n'era traccia, tutto quello che abbiamo potuto osservare è stato un insieme di 4 PC, e per di più "senza attributi", equippagiati con una misera ATi 4350: una schedina del cavolo da 20€. Basti pensare che Stalker e Risen, gli unici giochi disponibili, andavano a scattoni con una risoluzione di 1280x720. Nemmeno i telefoni non si sono fatti vivi in questa fiera.

Continua a leggere >>>

Stanley: un’automobile che fa tutto da sola

Il direttore del laboratorio di intelligenza artificiale dell’università di Standford in California Sebastian Thrun, stanco di guidare, aveva ideato almeno sulla carta, le caratteristiche di una perfetta auto ad intelligenza artificiale. Essa doveva essere capace di: eliminare l’errore umano e il 95% di incidenti. Comprendere la tipologia del percorso e la presenza di banchi di nebbia o incroci. Capire il percorso migliore per evitare intasamenti. Essere integrato con una rete wireless per interagire con semafori, parcheggi e altre segnaletiche....

Recensione Supercard DS One

Introduzione Sul mercato sono presenti numerose soluzioni per consentire l'esecuzione di homebrew e ROM sulle nuove console Nintendo DS. Questa breve guida cercherà di fornire una panoramica sul funzionamento e sul modo di utilizzo di uno dei prodotti di questo genere di maggior successo, la Supercard DS One realizzata dalla cinese Supercard, una scheda slot-1 per Nintendo DS e DS Lite. La prima parte dell'articolo ne evidenzierà le caratteristiche tecniche mentre successivamente ci addentreremo più nei dettagli pratici. Come sempre, buona lettura!

Site Footer