Bypassare UAC durante l'esecuzione di vbscript

  Come tutti i pro io non sono un amante del UAC, anzi lo detesto. Pochi giorni fa lo ho riattivato giusto per fare qualche prova con il Windows Store e le Metro Apps. Dopo aver riattivato l'UAC scopro a malincuore che i miei script in vbscript non funzionano più. Dopo qualche test e ricerca ho scoperto che questo è proprio dovuto alla presenza di UAC. Solitamente gli script che scrivo vanno a modificare servizi i proprietà di sistema che per essere modificati necessitano di diritti amministrativi. Il problema sta nel fatto che all'avvio dello script non compare la finestra di UAC che richiede la conferma per l'esecuzione con privilegi elevati. Lo script viene di fatto avviato, vengono però eseguite solo le righe che non necessitano di un'autorizzazione amministrativa.   Per risolvere il problema  bisogna mettere mano al codice e aggiungere queste righe, che forzano l'esecuzione dello script come admin. Lo script non essendo un vero e proprio programma non può essere avviato con privilegi amministrativi mettendo la relativa spunta nelle proprietà del file. =( http://pastebin.com/MJe7KJx7  

Continua a leggere >>>

Disattivare la tastiera virtuale in Windows 8/8.1

In Windows 8 e 8.1 è sempre disponibile l'utilizzo della tastiera virtuale a scomparsa. E' decisamente utili su tablet ma su portatili (tradizionali) e fisso la sua presenza è decisamente ridicola. Per disattivarla basta andare nei servizi di Windows (Win + R -> services.msc) e disabilitare il servizio "Servizio tastiera virtuale e pannello per la grafia".   Se avete l'iconcina della tastiera nella tray icon di Windows basterà premerci sopra il tasto destro del mouse, selezionare "Barra degli strumenti" e togliere la spunta da "Tastiera virtuale". Ecco fatto. 😉

Continua a leggere >>>

Font sfocati dopo l'aggiornamento a Windows 8.1

Ieri ho effettuato l'aggiornamento a Windows 8.1 di un PC e al successivo riavvio ho notato che i font  di alcune applicazioni erano decisamente sfocati. Come se il monitor non fosse regolato alla risoluzione nativa. Per risolvere questo problema basta effettuare questi passaggi: Click destro sul desktop e selezionare "Risoluzione dello schermo" Premere su "Ingrandisci o riduci dimensioni di testo e altri elementi" Si apriranno le impostazioni relative allo schermo, qui basterà mettere la spunta sulla voce "Consenti di scegliere il livello di ridimensionamento per tutti gli schermi" Dare applica e disconnettersi o in alternativa riavviare il PC Ora il testo verrà visualizzato in modo corretto. 😉  

Continua a leggere >>>

Windows Update errore 800B0001 su Windows 7

  Mi sono imbattuto in questo errore qualche giorno fa e devo dire che ci ho perso parecchio tempo per sistemare il problema. Il tutto si presenta come un errore 800B0001 durante la procedura di ricerca degli aggiornamenti automatici di Windows, questo impedisce qualsiasi operazione di aggiornamento. Ho provato diverse cose ed alla fine sono giusto in questo thread. Per prima cosa è necessario eseguire il Windows Update Readiness Tool in seguito procedere con l'applicazione di questo FixIt (se necessario applicare il fix manualmente). Applicare quest'ultimo FixIt e alla fine riavviare. Questo dovrebbe permettevi di effettuare le operazioni di aggiornamento automatico al successivo riavvio. 😉   UPDATE 10/09/2013 Ieri mi sono imbattuto in questo post, in cui viene spiegato che la causa dell'errore è dovuto al non completamento del wizard iniziale di Internet Explorer :(. Io personalmente ho risolto con il procedimento elencato sopra, ma ammetto che questo metodo è decisamente migliore. Magari provate a lanciare Internet Explorer prima di cimentarvi con i vari FixIt. =)  

Continua a leggere >>>

Eliminare le cache DNS di Chrome

  Google Chrome è un software molto complesso ed integra moltissime funzionalità, una di queste è un sistema di cache DNS interno. In questo modo Chrome riesce a risolvere i nomi senza interpellare ogni volta i server DNS . In certe occasioni però questo torna alquanto scomodo, soprattutto quando in fase di sviluppo di un sito web si deve mettere continuamente mano ai nomi del dominio. Per eliminare le cache DNS interne di Chrome basta andare a questa pagina: [crayon-5f0e3a4f8f7d7850678403/] E premere il pulsante "Clear host cache". Ora dando il comando di refresh Google sarà costretto a interrogare un server DNS per risolvere il nome. 😉

Continua a leggere >>>

Backup tramite rsync e ssh

La vecchia scuola non si batte mai. 😉 SSH ed rsync sono da sempre una coppia vincente. L'altro giorno stavo usando WinSCP e avevo la necessità di copiare dei file da un server remoto ad un altro, senza dover passare per il pc locale. Con mio grande dispiacere noto che WinSCP non offre questa funzionalità e quindi chiuso il programma e avvio KiTTY. Con questa semplice stringa è possibile copiare file/cartelle da un server remoto ad un altro tramite SSH. E' necessario però sapere i path di destionazione, in quando non è possibile "esplorare" il server e non è disponibile nemmeno l'autocompletamento. [crayon-5f0e3a4f8fb82619499542/] Le voci fra le parentesi angolari vanno ovviamente modificate addentandole alle vostre necessità. I parametri per rsync sono i seguenti: -a: modalità archivio -v: verbose attivo -z: compressione dei dati durante il trasferimento -e: copia su PC remoto SSH invece vuole: -p: nel caso non utilizziate la porta standard 22 -i: per utilizzare la chiave privata al posto di username e password.   Sotto ambienti Linux questi strumenti sono disponibili nativamente, in ambienti Windows invece è possibile utilizzare Cygwin.  

Continua a leggere >>>

Effettuare il backup del RaspberryPi

Anche se il dispositivo in questione è un RaspberryPi i backup vanno sempre fatti! A differenza di un normale PC o server, i cui relativi storage sono basati su HDD o SSD, dobbiamo affrontare una brutta bestia: la memoria flash. Che ha un endurace decisamente inferiore rispetto agli hard disk meccanici o a stato solido. Il problema è presente solo durante le scritture su disco, mentre le letture lasciano integre le celle. Nonostante questo le scritture su SD vengono fatte continuamente anche a nostra insaputa e questo può ridurre la vita della scheda di memoria, fino a renderla inutilizzabile. Questa cosa mi è già capitata qualche mese fa e non avendo avuto un'immagine del Raspberry ho dovuto reinstallare tutto da capo. Il problema è tuttavia semplicemente risolvibile con il backup completo della SD, che nei sistemi Linux può essere ottenuto utilizzando il comando dd. Schedulando il processo si ottengono backup multipli. In caso di un problema alla SD sarà sufficiente acquistarne una nuova ed effettuare il restore dell'immagine. Una procedura più semplice e non schedulata può essere l'utilizzo di win32DiskImager per creare l'immagine leggendo il contenuto della memoria SD. Questo però ci obbliga a spegnere il Raspberry. Di fatto è

Continua a leggere >>>

Rimuovere la cronologia di Windows Explorer

Piccolo tip estivo. Ecco come rimuovere la cronologia (history) di Windows Explorer (NB: Windows Explorer non Internet Explorer). La procedura funziona sicuramente su Windows 8 e Windows 7. Per cancellare tutta la cronologia di Windows Explorer basta eliminare tutte le entry nel registro di sistema (Win + R -> regedit) a questo path: [crayon-5f0e3a4f8fd13904161251/] Utilizzando un file .reg l'operazione può essere effettuava più velocemente in futuro. [crayon-5f0e3a4f8fd18293050470/] 😉

Continua a leggere >>>

Configurare valori di default di putty e kitty

putty e kitty sono due fra i più comuni client SSH per Windows. Personalmente uso kitty, non è altro che un fork del primo e ottimizzato per ambienti Windows. Entrambi i programmi sono due piccolissimi eseguibili portable e permettono in pochi secondi di collegarci tramite SSH ai nostri sistemi. Entrambi offrono una "rubrica" per accedere in modo più veloce, senza dover reimpostare tutti i parametri della connessione. kitty permette di memorizzare anche nome utente e password per la connessione. La password viene salvata sul PC cifrata e non in plaintext. Ogni entry della rubrica tiene in memoria tutte le importazioni del client SSH. La prima voce "Default Settings" include tutte le impostazioni che verranno utilizzate per le connessioni di default. Io solitamente effettuo queste modifiche: disattivazione dei suoni - Terminal -> Bell -> None attivazione del tastierino numero se la tastiera lo mette a disposizione - Terminal -> Features -> Disable applicazion keypad mode aumento delle linee di scrollback - Windows -> Line of scrollback -> 2000 attivazione clear type - Window -> Appearance -> Clear Type font consolas - Window -> Appearance -> Font -> Change cambio nome alla finestra - Window -> Behaviour -> Windows title: -> %%P - %%u@%%h:%%p -

Continua a leggere >>>

Site Footer